Ylenia Grazia Bonavera, vittima di violenza

Ylenia Grazia Bonavera, vittima di violenza

15 Mag 2020

Di Alice Saporiti 

Leggi anche >>> la deformazione permanente del viso

La Storia di Ylenia Grazia Bonavera

Ylenia è una ventiduenne che, all’epoca dei fatti, aveva una relazione con Alessio, col quale conviveva ormai da qualche mese.  

Dopo continui litigi, la coppia decideva di interrompere la relazione.  

Ylenia viveva da sola e la sera del 7 gennaio 2017 Alessio si presentava alla sua porta di casa. Ylenia, sperando in una riconciliazione, decideva di incontrarlo. Il giovane però la aggrediva, gettandola a terra e cospargendola di liquido infiammabile, per poi darle fuoco.  

La ragazza riportava ustioni solo sul 13% del corpo; tuttavia, perdeva il bambino che portava in grembo da tre mesi. Subito dopo l’aggressione riusciva a riferire alla madre che il responsabile di tale gesto vile era il suo ex compagno Alessio. 

La storia di Ylenia suscitava particolare clamore perché qualche giorno dopo l’aggressione, la ragazza cominciava a difendere l’ex fidanzato:“Non è stato lui, hanno arrestato uno che non c’entra”. 

Ma anche la madre prendeva una posizione dura contro la figlia: “è stato lui, difendendolo offende tutte le altre donne vittime di violenza 

La nuova versione dei fatti raccontata da Ylenia, mai ritenuta credibile, veniva però smentita dalle immagini della telecamera di un distributore che aveva ripreso Alessio intento ad acquistare la benzina che avrebbe successivamente gettato addosso ad Ylenia.  

Alessio veniva giudicato con rito abbreviato e condannato alla pena di 12 anni di carcere. La Corte d’Appello di Messina rideterminava la pena in anni 10. 

leggi anche >>> le forme della Violenza e come riconoscerla