Badanti e Colf

Questo contenuto fa parte del programma Formula Terza Età dedicato alla gestione legale degli anziani >>> scopri di più, è gratis!

badanti colf

 

Badanti e colf, l’inquadramento lavorativo corretto

1. Badanti e colf, norme di lavoro, fiscali e previdenziali 
2. Colf e badanti: l’utilizzo delle prestazioni occasionali
3. Come possiamo aiutarti 

badanti e colf

1. Badanti e colf, norme di lavoro, fiscali e previdenziali 

Il quesito è: come inquadrare il rapporto con la colf e la badante affinché siano rispettate tutte le norme di lavoro, fiscali e previdenziali. 

Quando la persona anziana ha bisogno di un aiuto domestico finalizzato al funzionamento della vita familiare è possibile ottenere l’intervento di una colf per la cura della casa, o di una badante per la cura della persona. 

Generalmente, quello di colf e badanti è un rapporto di lavoro subordinato che si può svolgere in forma continuativa presso l’abitazione dell’anziano a tempo pieno o a tempo parziale, oltre all’eventuale fruizione di vitto e alloggio. La retribuzione è prevista dal CCNL Colf e Badanti. 

E’ anche possibile assumere il lavoratore per prestazioni notturne di cura alla persona, oppure per la sola presenza notturna, senza alcuna necessità di cura. La differenza di mansioni determinerà una differenza nella retribuzione. 

Ci sono diverse tipologie di contratto: a tempo pieno e indeterminato, a tempo pieno determinato solo in presenza di determinati requisiti, a tempo parziale, dove è possibile assumere personale anche per la sola assistenza notturna. 

Le prestazioni di lavoro domestico possono anche essere rese tramite il ricorso al lavoro occasionale, che garantisce una minima tutela assicurativa e previdenziale al lavoratore, senza i vincoli del contratto di lavoro subordinato.

badanti e colf

2. Colf e Badanti: l’utilizzo delle prestazioni occasionali

L’utilizzo delle prestazioni occasionali per badanti e colf, come per ciascun prestatore e utilizzatore, è ammesso: 

  • Per ciascun prestatore e utilizzatore, per la totalità dei rapporti in essere, per non più di € 5.000,00 annui 
  • Per il singolo prestatore verso un unico utilizzatore, per non più di € 2.500,00 annui e 280 ore/anno, pena la trasformazione del rapporto di lavoro in subordinato a tempo pieno e indeterminato. 

Come si acquistano le prestazioni occasionali per badanti e colf?

Per acquisire prestazioni occasionali è necessario che il datore di lavoro domestico si avvalga di un libretto nominativo prefinanziatoc.d. “libretto famiglia” che può essere acquistato presso l’INPS o gli uffici postali. Il valore nominale è fissato in € 10,00 da utilizzarsi per compensarsi prestazioni di un’ora, già comprensivo della contribuzione (inps e inail). I compensi percepiti dal prestatore tramite il libretto famiglia sono esenti da imposizione fiscale, non incidono sulla disoccupazione e sono computabili per la determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

3. Come possiamo aiutarti